macrodiary

MACRO

MACRO Testaccio

MACRO Testaccio. Padiglione B, esterno. Foto Giorgio Benni


MACRO Testaccio trova sede nel complesso ottocentesco dell’ex-mattatoio, in un’area della città che in questi ultimi anni sempre più si è caratterizzata per la ricchezza di manifestazioni culturali ed eventi artistici rivolti in particolare ad un pubblico giovane.

 

I padiglioni che compongono l’intero complesso architettonico, costruiti fra 1888 e 1891 da Gioacchino Ersoch, testimoniano il passaggio dal classicismo alla modernità e costituiscono un importante esempio dell’architettura industriale monumentale e razionale della fine del secolo.
 

Nel 2002, due padiglioni all’interno del complesso del mattatoio vennero assegnati al Museo. 
Nel 2003 nacque MACRO Future, oggi MACRO Testaccio. I suoi spazi fanno parte di un complesso che è oggi al centro di un piano di riqualificazione volto a conferirgli una forte e incisiva vocazione a polo di ricerca e produzione artistica e culturale — già da qualche anno connotato dalla presenza della sede universitaria — che sappia riflettere la contemporaneità della città, registrarne gli sviluppi, metterne in risalto il rilievo e stimolarne l’evoluzione. MACRO/1:1projects ARCHIVE trova ospitalità proprio nel Padiglione B di MACRO Testaccio
 

In sintonia con la dinamicità che caratterizza il quartiere e la forte presenza di giovani nelle ore serali, MACRO Testaccio è aperto dalle 16 alle 24 tutti i giorni ad esclusione del lunedì. MACRO/1:1projects Archive è collocato nel Padiglione A.

 

MACRO Testaccio. Padiglione B, interno. Foto Giorgio Benni MACRO Testaccio. Padiglione B, interno. Foto Giorgio Benni
in
Macro

Servizi museali

Oggi al Macro

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31